Dieci giorni dopo il debutto di Didier Drogba

Dieci giorni dopo il debutto di Didier Drogba con la maglia della costa d’Avorio nel paese è iniziata la guerra civile. Cuore di calciatori, lasciare in alcuni di loro club europei, versò il sangue, così come quasi tutti i parenti degli atleti rimasti in pericolo mortale. Nel paese ci sono truppe di mantenimento della pace Francia e le nazioni unite, ma i militari del flash tra rivoltosi e il potere non è diminuita.

Quando nell’autunno del 2002 scoppiata la guerra, Drogba ha difeso i colori umile «», conduce una lotta per la sopravvivenza in campionato. Nell’autunno del 2005 Didier già giocato per il Chelsea, ha segnato praticamente in ogni partita e ha ricevuto la fascia di capitano in nazionale. Nazionale la squadra ha bisogno di vincere Camerun, per qualificarsi direttamente per Eurobet (recensione) la coppa del mondo in Germania – Drogba pensato che fosse l’occasione ideale per donare la gioia di tutto il paese e di unire il popolo, che non ha voluto deporre le armi. Sostenere il calciatore arrivato Roman Abramovich e , Didier ha dato una delle migliori partite con la nazionale, ma la costa d’Avorio ha perso. Questa è stata la prima sconfitta in casa negli ultimi dieci anni.

Questo risultato significa che il posto per il campionato del mondo del 2006 sarà lanciata nell’ultimo turno di qualificazione. Costa d’Sistematica basta battere il Sudan e sperare che il Camerun non riesce a conquistare l’Egitto. Il giorno prima della Eurobet (recensione) partita Didier ricevuto una telefonata da un attaccante della nazionale egiziana e l’ex partner di «Marcel» Mido: «Vinci la tua partita, e noi ci occuperemo del Camerun». affrontato il loro compito, il fischio finale, i calciatori della nazionale si precipitò al solo cellulare Unibet (recensione) – tutti volevano conoscere il risultato di parallelo partita, anche se ha paura di questo. Si è scoperto che la partita a il Cairo, si è svolto con il punteggio di 1:1, non è ancora finita a causa di aggiunte cinque minuti. «Cinque, Ahmed!», – gridò non andava Drogba assistente di staff tecnico.

Non è che sta esultando, ma al 95 ° minuto l’arbitro ha messo il calcio di rigore a porta Egitto. Drogba, gli altri giocatori, lo staff tecnico hanno creato un grande cerchio, al centro del quale giaceva il telefono, si presero per mano, si alzò sulle ginocchia e cominciò a pregare. Samuel eto’o ha colpito il palo e questo significava che la costa d’Avorio per la prima volta nella storia, uscito nel finale del Campionato del mondo.

Qualcuno di pianto, qualcuno ho annaspato cerchi intorno al campo da gioia – tutti erano felici. Drogba notato che tutta questa orgia allevia la televisione nazionale e ha deciso di cogliere l’attimo. Dopo pochi minuti Didier teneva in mano il microfono, e dietro di lui, in silenzio in piedi partner della nazionale:

“…– I nostri cari da sud, nord, ovest ed est. Abbiamo dimostrato che la costa d’Avorio può unirsi per raggiungere l’obiettivo. Ora vi chiediamo: deponete le armi! Il nostro paese non deve andare a fondo in questo modo. Organizza le elezioni e tutto cambierà in meglio.